Succede anche a me

Leggi in in 3 min.
sab 23 novembre 2019
Inviato da: LaFenice

“Ciao, stasera finisco più tardi e poi già che ci sono esco a cena con Laura e Giulia, ti spiace?”

No che non mi spiace, perché so che non esci a cena con le tue due amiche ma che, finalmente, tanta attesa e pazienza hanno dato il loro frutto, Alberto, dopo due mesi di corte spietata e serrata ti ha fatto cedere e stasera vi incontrate.

L’unica cosa che non sai è che Alberto e io siamo d’accordo, che abbiamo orchestrato tutto per un unico fine, farti cedere e vedere cosa succede con questa uscita tra voi.

Io e Alberto ci siamo incontrati su uno di quei siti dove i mariti “mostrano” le proprie donne e dopo qualche scambio di mail siamo diventati amici, mi ha convinto con le sue idee a provare almeno una volta per vedere cosa sarebbe successo e così è stato, ha cominciato a puntarti, tutto partito da un sms, un unico insignificante sms.

Adesso sono qui, in questo locale scelto da Alberto dove mi ha trovato un posto dove è possibile vedere tutto senza essere notati, Tu sei li che sorseggi un mojto e lo aspetti, sei vestita come quando sei uscita stamattina anche se, so che nella borsetta hai messo un completino di pizzo nero e le autoreggenti e, “sbirciando” meglio, mi sa proprio che almeno le autoreggenti le hai indossate.

Eccolo che arriva, viene diretto verso di te e ti saluta, ti riempie di complimenti che sono una parte di quelli che ti ha fatto finora, prima via sms poi via mail e via chat e poi al cellulare. Si siede e ordina da bere e poi cominciate a parlare, si vede che è una persona che sa intrattenere una bella conversazione, sei rapita dalle sue parole, sorridi e rispondi, la conversazione continua ma cambia qualche cosa, la sua mano adesso è sul tuo ginocchio, ho visto che hai avuto un sussulto ma poi hai contiuato a parlare come se nulla fosse. Adesso la mano si muove lentamente accarezzandoti la coscia e spostando quel tanto che basta la gonna per togliermi i rimanenti dubbi sulle autoreggenti.

Adesso ti dice qualche cosa che ti lascia titubante poi gli dici di si e vi alzate, lui ti cinge al fianco e uscite dal locale, si blocca un attimo estrae il cellulare dicendoti qualche cosa, armeggia con la tastiera e mi arriva un sms: “come previsto, aspettami dove stabilito e speriamo bene”.

Aspetto che non siate più in vista e mi precipito al parcheggio dove avevamo concordato, in realtà è Alberto che ha preparato meticolosamente il tutto dicendomi che era il “giro” che aveva già funzionato più volte. Ecco che arriva la sua macchina con te al posto del passeggero e si ferma dove mi aveva detto. Suona il cellulare e accetto la chiamata e adesso vi posso guardare e sentire cosa succede. Ti sta accarezzando di nuovo la coscia e ti dice quanto sei bella e sexy, tu gli dici che non te la senti, non vuoi e allora lui si ferma ti dice che se non sei convinta o non vuoi non succede niente, ti riporta indietro o ritornate ancora al locale, ti dice di dirgli se si deve fermare altrimenti lui continuerà e ti/mi dice che ti sta per accarezzare davanti, tu non rispondi e vedo chiaramente la mano che si insinua nella camicietta, tu sussurri un “siiiiiiiiiii” sospirato e mugolato e lui adesso ti/mi dice che infilerà la mano sotto la gonna e poi ………….. un’ altra frase sua “allora se hai allargato le gambe lo vuoi anche tu” e ti comincia a baciare.

E’ un fulmine che mi colpisce, tanto tempo, tanti sogni e adesso finalmente sta accadendo ed è solo l’inizio …..