Sogno di una notte in piena estate

Leggi in in 25 min.
mer 20 novembre 2019
Inviato da: Sharon

Il caldo si sa, fa ribollire il sangue e noi, quella notte in piena estate, avevamo un gran caldo, una gran voglia di provocare, di trasgredire e magari chissà … Tacchi a spillo del dodici, un grazioso abitino dai colori vivaci, svolazzante e talmente leggero che in controluce risultava appena trasparente e sotto il vestito… niente Si, null’altro. L’abito lungo sino alle caviglie ma, con lo spacco al centro così vertiginoso da arrivare pressoché all’inguine tanto che volendo, con una camminata decisa e maliziosa, avrebbe potuto aprirsi e mostrare buona parte dell’intimità più celata. Il seno di modeste dimensioni ma molto ben auto sostenuto era impreziosito da un profondo decolté che, a tratti, mostrava appena l’inizio dell’areola.

Il capezzolo sottostante si scontrava con prepotenza contro il tessuto sottile, modellandone la forma.

Non si faticava a immaginarlo.

Tutto il vestito era sostenuto da due sottilissimi, quasi invisibili laccetti annodati sulle spalle.

Quest’ultime coperte, da un fresco e sottile copri spalle, che le permetteva di girare per la città senza timore di scandalizzare.

Mia moglie ha già di suo un fisico molto attraente anche se di statura media ma così vestita, era addirittura uno schianto.

Trentatre anni portati benissimo, una folta capigliatura bionda appoggiata sulle spalle e che copriva appena due stupendi occhi azzurri, non una stragnocca ma veramente molto carina. Così lascivamente valorizzata da quel vestito, girovagammo senza meta nelle accaldate vie del centro, fra le auto in sosta nel buio dei parcheggi e fra le mille luci della città.

“ Guarda che bei sandali quelli in alto a sinistra, hanno anche un notevole tacco che mi slancerebbe ancora di più le gambe!”

“ Peccato, è un vero peccato che sono esposti in una vetrina il cui negozio a quest’ora è chiuso “

“ Ma caro, possiamo ritornarci domani! ” “ Si, sicuramente un… domani ”

“ Scemo, sei solo uno sporco spilorcio” mi abbracciò e mi baciò con tenerezza.

In realtà è dolcissima, per niente aggressiva anche se al momento giusto sa difendersi molto bene.

E poi in una serata tanto particolare dalla quale ci aspettavamo emozioni, in ogni caso sicuro d’altro genere, non gliene fregava niente dei sandali ma voleva solo affettuosamente provocarmi. Tuttavia non sapevamo cosa inventarci per trovare una qualsiasi situazione che potesse intrigarci istigando la nostra libidinosa fantasia.

Entrammo persino in una libreria dove fingendo di visionare alcuni libri posti, guarda caso, nella parte più bassa della scaffalatura, la obbligavano ad abbassarsi in modo che si aprisse in maniera smodata, sia lo spacco sia la scollatura.

Mi misi addirittura di fronte in posizione strategica per valutare meglio la visibilità e posso garantire, che se un eventuale altro avventore si fosse trovato in quella fortunata posizione, avrebbe sicuramente notato e sicuramente apprezzato: “Quel ben di Dio.” Tutto tempo perso inutilmente.

Abbiamo appurato che gli utenti delle librerie, hanno tutti degli interessi completamente diversi.

Boh, contenti loro…

Su di un piccolo marciapiede delimitato da un lato, dal muro di recinzione di una proprietà e dall’altro da una transenna, incrociammo pure un folto gruppo di giapponesi che imperterriti lo occupavano compatti.

Erano in troppi non ci potevamo passare tutti insieme, il marciapiede ere troppo stretto e loro non avevano la benché minima intenzione di spostarsi.

Mi disposi dietro mia moglie che, giratasi di fianco per occupare meno spazio, tentava a stento di oltrepassare il gruppo.

Non poté fare a meno di strusciarsi contro alcuni di loro.

Io la guidavo con una mano sul fianco mentre con l’altra ero impegnato a proteggerle la scollatura perché in mezzo a quella calca, avrebbe potuto anche aprirsi e fuoriuscire addirittura un seno. Inavvertitamente però, giuro inavvertitamente, trattenni troppo un lembo della scollatura mentre cercava di passare in mezzo a due di loro che su lei si erano stretti. Che sfortuna! Purtroppo un seno fuoriuscì e quasi in contemporanea, ancora senza accorgermene, trattenni maldestramente anche il lembo controlaterale, così uscì anche l’altro. Che iella, iella nera! Rimase per qualche secondo a tette al vento.

Le scappò un urletto e subito dopo si coprì con le mani.

Pur non conoscendo la lingua italiana, con un accalorato e spontaneo applauso, ci fecero gentilmente capire di aver gradito tantissimo l’estemporaneo show e chiesero in coro, ma inutilmente, il bis. Non trovando null’altro di stuzzicante ed essendoci in giro poca gente che eventualmente potesse aumentare le probabilità di incontri avvincenti alla fine decidemmo di recarci in una sala cinematografica in B. Aires dove si proiettava un film a luci rosse. Scelta molto coraggiosa, specie per mia moglie non ancora abituata a situazioni che prevedevamo molto forti. Ebbe qualche titubanza nell’accettare ma la necessità del momento era tale da motivare il superamento di ogni timore iniziale.

L’occhialuta e miope cassiera, “ Regnava,” dietro un bancone enorme e dall’alto della sua postazione con aria severa, ci squadrò, ci analizzò anzi per la verità, squadrò e analizzò mia moglie con aria truce. Nonostante fosse anziana, evidentemente le era capitato poche volte di vedere coppie per bene, entrare in quella sala. Ci sentimmo a disagio intimiditi da quello sguardo severo, indagatorio. Chiese persino quanti biglietti volevo comprare. Eravamo solo noi due… Naturalmente mi sorpresi di quella sciocca domanda, non riuscivo a comprenderne la motivazione. Non capivo se la cassiera soffriva di qualche tipo di demenza o cos’altro. Confuso, non seppi far altro che allargare le braccia. Mi allungò due biglietti. Salendo le ben tre rampe dello scalone che portava in sala dove veniva proiettato il film, un gruppetto di brutti ceffi, appostati in posizione cruciale, avevano già notato che ad ogni gradino, mia moglie non poteva fare a meno di mostrare le gambe, le cosce e forse… Per fortuna si limitarono ad elargire solo ammiccanti quanto fastidiosi sorrisi. Uno di loro però, ebbe l’ardire di avvicinarsi e in modo veramente molto dozzinale si complimentò per la sconvolgente avvenenza di mia moglie, ci chiese se avevamo bisogno di compagnia, lui sarebbe stato un voyeur discreto e solo se richiesto, partecipe. Ovviamente fu da me gentilmente dissuaso e informato che avremmo preferito rimanere soli. Finalmente in sala, l’oscurità pressoché totale ci avvolse proteggendoci. Cercammo di guadagnare un posto a sedere ma, a causa del buio pesto al quale i nostri occhi non si erano ancora abituati, ci scontrammo più volte con persone che in piedi, occupavano il passaggio in modo volutamente disordinato e con la scusa che non si vedeva proprio niente, al passaggio di mia moglie, involontariamente si trovavano guarda caso ad avere, loro che ci vedevano già bene, le mani sul suo sedere o sul suo seno. Comunque anch’io approfittai del buio per toglierle il copri spalle.

Intimoriti prima dallo sguardo arcigno della cassiera ed ora dall’ambiente squallido, esageratamente multietnico, non avremmo certamente gradito alcun contatto e allora la feci accomodare sulla poltroncina più esterna dell’ultima fila, affinché nessuno potesse sederle accanto. Cercavamo qualcosa di diverso, di eroticamente stimolante e forse l’avevamo trovato, forse anche troppo stimolante, troppo diverso, forse eccessivo. Francamente pensavamo di rimanerci per poco tempo in quella che ci sembrava essere la: fossa dei leoni. Subito dopo, una massa di persone si dispose in piedi a ridosso ed al suo fianco. Spaventata, si strinse al mio braccio e mi supplicò di uscire immediatamente. Ancora una volta la convinsi a restare ancora un poco. Volevo solo capire, appurare cosa mai sarebbe accaduto rimanendo. In fin dei conti stavano solo anche se morbosamente, studiandola, ispezionandola. Non l’avrebbero certo mangiata o violentata! Dopo un breve periodo di abitudine dell’occhio, il buio diventò anche per noi ben più visibile. L’audace scollatura ora più manifesta, con la vicinanza di quel gruppo di maiali assatanati non poteva che provocare follemente ed istigare a qualsiasi sconcezza. Preoccupata dell’abbigliamento troppo provocante per quell’ambiente sinistro, cercò di coprirsi con una mano il seno e con l’altra di mantenere unito lo spacco del vestito. Faticai a rassicurarla, dovetti farle notare che comunque, almeno per ora, si stavano accontentando di guardare, esplorare, anche se da vicino, molto vicino. Il film naturalmente era molto spinto, assolutamente senza censura, le continue immagini di sesso forte, crudo, si susseguivano una dopo l’altra senza una qualsiasi trama e con una disinvoltura percepita soprattutto da lei, alquanto inconsueta. Forse il film decisamente scabroso ed eccitante, forse perché, constatando che gli individui, davvero si limitavano ad attraversarla dappertutto, ma solo con gli occhi, pian piano si stava sciogliendo, tranquillizzando. Incrociò dunque le braccia sul ventre e si abbandonò inerme, provò a lasciarsi a completa disposizione e permise a quegli sguardi famelici, smaniosi, che la violassero, penetrassero in ogni dove. Non ho mai provato ma deve essere quantomeno emozionante, sapere che qualcuno ti sta osservando, spiando e vorrebbe rubare la tua intimità più segreta, vorrebbe chissà che, mentre tu, nervoso, fingi sconcertante naturalezza. Probabilmente non ci riuscirei, mi scoppierebbe il cuore, oppure mi darebbe terribilmente fastidio. Invece credo che a lei piaccia molto, ne è profondamente intrigata, le piace essere desiderata, meticolosamente esaminata, anelata, perlustrata anche da più persone in contemporanea. Ma forse solo nei sogni, perché la realtà poi è sempre più complicata. In ogni caso, al primo involontario accavallamento di gambe, lo spacco si aprì mostrando tutte le favolose e infinite gambe sino all’ombra dell’inguine che, insieme alla sovrabbondante scollatura, diedero inizio alla mia, ma non solo mia, sfrenata fantasia, ipotizzando chissà quali e improbabili porcherie. Si coprì immediatamente chiudendo i lembi del vestito, ma a questo punto tutti avevano certamente già adocchiato con attenzione, tutto quello che c’era di visibile e anche di più, le loro menti erano ormai completamente affollate solo da turpi pensieri, da speranze di smodate oscenità. Sentivo una grande agitazione intorno a noi: l’ansimare dei presenti, le cerniere aprirsi, le cinture che si slacciavano, il tintinnio di onanistici mazzi di chiavi e rumori di sfregamenti che non lasciavano molto spazio all’immaginazione. Mia moglie era sempre più agganciata, fermamente agganciata, al mio braccio.

Alcuni le rivolgevano addirittura pesanti e volgarissimi apprezzamenti, violentandola verbalmente, quasi a volerla umiliare, annullarle la personalità o forse spronarla, incitarla, altri stavano già masturbandosi forsennatamente con gli “Attrezzi” il più possibile vicino, addosso ed il più possibile a contatto della sua faccia obbligandola a vedere, a sentire le ansiose e sconvolgenti vibrazioni, che lei stessa stava magistralmente provocando ed eventualmente prenderli nella, secondo loro, giusta considerazione. (leggi pompino) “ Ho paura, sono in troppi, andiamo via, sono un branco, il branco è sempre più pericoloso, sono incontrollabili, mi mettono a disagio, mi innervosiscono! “ “ Non preoccuparti, sei talmente bella che rimarranno sicuramente estasiati, ipnotizzati, incapaci di fare del male e per di più a una creatura così dolce, arrendevole, meravigliosa! Sono certo che con la complicità di questa penombra, questa luce fioca, questa moltitudine di maiali ti desiderano, ti vogliono, ti apprezzano e vorrebbero solo che tu fossi mentalmente più disinvolta, più libera e perché no, più troia. Per esempio, ora con questa semioscurità, possono vedere appena l’inizio del seno ma indubbiamente, sperano in qualcosa di più eccitante, di esagerato. Magari se ruotassi, anche di poco il corpo, come se volessi cambiare posizione per caso, si potrebbe aprire il decolté e potrebbero così vedere, per carità solo vedere oltre, oltre. Perché nascondere a tutti i costi, quelle meraviglie che la natura ti ha, per tua grande fortuna, regalato? Non temere, succederà solo quello che solo noi vogliamo che succeda “ Ero eccitatissimo, ma adesso anche lei, dopo un primo momento di paura e di imbarazzo, dovette ammettere che si stava abbandonando e inumidendo sempre più. Evidentemente, la voglia aumentò perché poco dopo, riaccavallò ancora le gambe ottenendo lo stesso meraviglioso e sconvolgente effetto di prima ma questa volta, non si coprì più e lasciò che tutti l’ammirassero con avidità, la penetrassero, la scrutassero in ogni particolare, si beassero di lei. Si sentiva tutti quegli occhi addosso, appiccicati dentro il seno, fra le cosce e secondo quei viscidi individui, quel corpo non avrebbe più dovuto avere segreti. Le piaceva moltissimo esibire, essere scandalosa in quest’ambiente di porci, dove nessuno si sarebbe certamente scandalizzato. Anzi! Il respiro si faceva sempre più affannoso, stava certamente entusiasmandosi sempre più, eccitandosi e assaporando il momento così intenso, licenzioso. Le misi il braccio sulle spalle intorno al collo e sottovoce, in un orecchio, le sussurrai parole dolci e appassionate alternate da improbabili e forti fantasticherie di maialate da realizzare proprio lì, immediatamente, attorniati da tutta quella gentaglia. Era di mia moglie, di mia moglie, quel corpo conturbante, discinto ed era lì, a disposizione di tutti quegli sguardi viziosi e ingordi. Le misi il braccio attorno alle spalle e iniziai apparentemente con molta discrezione ma anche e soprattutto, con l’altrettanto discreta super visione di tutti, ad accarezzarle la spalla, non tanto per accarezzarle la spalla, ma per comunicare indirettamente a tutti, che i giochi forse, stavano iniziando. Accarezzando, accarezzando, la spallina scese sul braccio, il vestito cadde anche se di poco ma abbastanza per scoprire ancora di più la coppa del seno e in parte l’areola. Portai poi la stessa mano a sfiorarle il petto e poi il seno, mentre con l’altra ero sulle ginocchia. Presto però le mie resistenze finirono, sentivo la necessità impellente di andare oltre di strafare e dovetti, meno discretamente, proseguire se pur con garbo sulle cosce lentamente molto lentamente le percorsi tutte e più volte sino ad arrivare all’area più intima, proibita. La sfiorai appena causando un improvviso sussulto di piacere. Decisi che quel sussulto, per ora, era anche troppo e dispettosamente, come se volessi punirla, ritornai sulle cosce che ripresi ad accarezzare con dolcezza, lentamente, lentamente. Volevo farle desiderare il tocco delle mie mani, sino a farle diventare indispensabili, doveva mendicare le mie carezze là, dove più ne sentiva la necessità. Alla fine capii che il momento poteva essere quello giusto e ritornai nella zona più attesa e più sensibile. Fu un altro sussulto, questa volta accompagnato da un lieve gemito. Quando con estrema delicatezza le lambii le labbra, le trovai già copiosamente inondate di piacere e allora, non poté trattenersi dal ringraziarmi baciandomi con passione, con impeto, mi pregò di non smettere di continuare, di continuare. L’accontentai: con una pressione leggerissima mi soffermai per un po’ su di esse, le sentivo pulsare di piacere, mi attardai delicatamente sul clitoride e poi con un dito la penetrai appena, quasi a farle desiderare, ma ancora una volta inutilmente, una introduzione più decisa, più profonda, più maschia. Sconvolta ansimava, ansimava sempre più, forse la stavo perdendo, forse tra poco non sarebbe più stata fra di noi, ma da sola, da sola ad assaporare le sollecitazioni, le vibrazioni del suo corpo della sua anima. Una decina di persone, depravate sicuramente più di noi, stavano osservando golosamente la scena speranzosi nel prosieguo. Alcuni si perdevano con le mani nei foltissimi capelli stropicciandoglieli, altri le sfiorarono il collo altri ancora cercavano di accarezzarle il seno e istigarle i capezzoli ormai gonfi, gonfi di desiderio. Certuni la incitavano: “Sei bellissima! Dai facci vedere, spogliati di più, di più, facci sognare, dai fai la troia, la porca dai!” Capii che era confusa ma irretita da tutte quelle richieste volgari, sconcertanti. Era veramente inebriante la visione di quel corpo indifeso e ammantato soltanto, dai giochi di luce e ombre che via via provenivano dal film. A tratti un bagliore illuminava il seno, in altri momenti era al buio, svettavano solo i capezzoli, mentre la luce, era concentrata sulle gambe o sull’inguine.

Quest’alternanza creava uno scenario molto sensuale, suggestivo, quasi raffinato. Lei era mentalmente frastornata. “Non preoccuparti, so che per ragioni d’igiene non vuoi che ti tocchino la patatina, li controllo io, tu lasciati tranquillamente… svenire.” “Grazie sei un tesoro, ho tanta voglia, sono in tanti a guardarmi? Saranno una decina, vero? Mi vedranno davvero bene? Non resisto oltre ma mi raccomando, fai attenzione, mi fido di te, non lasciare che mi tocchino là, non devo ammalarmi.“ Si arrese mise la testa sulla mia spalla, chiuse gli occhi e piacevolmente “Svenne.” Decisi a questo punto di uscire allo scoperto, di essere meno discreto, le aprii i bottoni del vestito sino a scoprire completamente anche l’ombelico. Immaginando cosa le stava per accadere, il respiro le si face più affannoso, stava certamente perdendosi, eccitandosi sempre più e assaporando il momento così intensamente licenzioso. Ormai senza controllo spalancò le gambe con indecenza, come una maiala in calore, bramava essere perlustrata da tutti quegli sguardi e allora dolcemente mi addentrai con il dito piano piano, volevo farmi desiderare vivamente, farmi pregare di non smettere e giunto il momento la violentai prima con uno poi con due e poi tre dita, la masturbai, la masturbai platealmente, così che tutti potessero vedere, ma soprattutto sentire, sentire lo sciacquio che la mia mano produceva incontrando quelle labbra abbondantemente irrorate d’amore, di sesso rozzo. Mentre la masturbavo volle mostrarsi ancora di più, volle esagerare e da sola, si scoprì completamente il seno. Quel seno che tutti avrebbero voluto tra le mani e non solo tra le mani. L’esibì mettendolo sfrontatamente a disposizione di tutti quegli occhi avidi. Con entrambe le mani lo accarezzò, lo palpò con passione e si torturò i capezzoli fortemente eretti. Il vestito adesso era del tutto aperto e quasi nuda, come una vera cagna, stava offrendo quello smanioso corpo, ormai scollegato dalla mente, a tutti, a tutti quei verri che la circondavano e che bramosamente avrebbero voluto toccarla, baciarla dappertutto, inondarla con il loro seme, sodomizzarla e chissà cos’altro. Ora respirava sempre con più affanno.

Fu così coinvolta ed eccitata che ebbe un appassionato, violento e incontrollato orgasmo. Nella sala si sentivano unicamente i suoi languidi lamenti di piacere, solo in parte soffocati. La zittii amorevolmente più volte, o meglio finsi di zittirla, solo perché convinto che così facendo avrei sottolineato, enfatizzato quel momento magico e peccaminoso. A questo punto tutti fummo mirabilmente appagati da tanto spontaneo ed eccezionalmente prolungato, godimento. Il momento fu davvero incredibile, unico, inebriante. Ritornata tra noi, la invitai ad aprire gli occhi, a fissare i porci direttamente in faccia, con provocante insistenza, come se sfidasse i loro sguardi, come se non li temesse, la indussi a fingersi attratta dai loro sessi, ad esaminare con cura le loro esibizioni prepotentemente erette. Lo fece con trasporto, con passione e fu come incitare quella massa di invasati a passare oltre, a osare di più. C’era tutt’intorno veramente una gran frenesia e l’aria era colma di sesso vero, grezzo, bestiale. C’era chi l’accarezzava tutta, senza però sconfinare in zone proibite, chi semplicemente guardava, chi si produceva oralmente con qualche maschietto, chi addirittura sodomizzava qualcun altro. Ero talmente preso dal clima di erotica e sfrenata complicità che avrei voluto “Montarla” con furia lì, davanti a tutti quegli animali, che come noi, erano posseduti da una perversa e smisurata esaltazione. Ad un tratto finì il primo tempo del film. L’illuminazione della sala la violentò sorprendendola quasi nuda, in quello stato veramente discinto. Si vergognò come una ladra e tentò immediatamente di ricomporsi. Anch’io fui sorpreso e scioccato da quell’evento fulmineo spietato ma la sua sconvolgente inclemenza mi piacque così tanto, che la bloccai scongiurandola invece, ad ostentare il suo strabiliante corpo senza paura, quella luce così brutale l’avrebbe solo valorizzato, incorniciato, come si incornicia un bel quadro. Sentendosi non soltanto approvata ma così tanto incoraggiata e spronata, lasciò che l’istinto prevalesse sulla ragione e avvertendo forte la necessità di provocare con audacia insolenza, di sfoggiare il proprio corpo in piena luce, ancora una volta si lasciò invadere, attraversare dagli occhi di quei maniaci. Cercò solo di salvaguardare, anche se con tanta ipocrisia, la poca dignità che ancora le rimaneva, coprendosi volutamente male, con la mani o con le braccia le parti intime. Fu inevitabile, alcune zone del corpo rimasero maliziosamente scoperte. Il vedo non vedo non poteva che istigare con maggior determinazione i porci. Purtroppo però esagerarono, iniziarono a insultarsi a voce alta, a spintonarsi per guadagnare la poolposition, rovinando in tal modo il momento idilliaco che si era instaurato. Bene. A questo punto, non potevamo che andarcene a gambe levate. Ci alzammo. Oramai però quel pubblico le era diventato, in un certo senso, familiare.

Con la scusa che per uscire doveva sistemarsi meglio il vestito, per qualche istante dovette aprirlo e avendo, dimenticato, a casa le slip e il reggiseno, ostentò di nuovo quelle tette al vento con il capezzolo rivolto verso l’alto e la patatina, quella patatina bollente… insomma, rimase completamente nuda, in piedi e davanti a quella platea di assatanati. Questa istigazione scatenò di nuovo la loro libidine tanto che fu costretta a subire un altro assalto, per fortuna da me ben controllato. Fu obbligata a richiudersi subito. Una volta usciti e ricomposti pensammo con gioia e amarezza alla entusiasmante, ma purtroppo breve, serata. “Peccato mi stava piacendo immensamente essere guardata, desiderata! Devo confessare che mi sarebbe piaciuto, anche se solo virtualmente, toccare i loro sessi gonfi di desiderio, desiderio di me, avrei voluto baciarli, baciarli sino alla fine ….” “Sei scema? “ “Non allargarti troppo, ho detto virtualmente” “Si perché a questo punto non sarei riuscito a controllarli. Però è stato bellissimo grazie a te abbiamo trascorso una serata davvero emozionante anche se breve ma pazienza …” Camminando lungo la via mi sorpresi a riflettere sull’intuizione che ormai tanto tempo fa ebbi. Intuizione che portò addirittura alla messa a punto di un metodo vero e proprio, un protocollo da seguire meticolosamente. Ben inteso, so benissimo che non è una mia invenzione; lo sanno tutti che per soddisfare una grande fame, ci vuole un ricco menù. Io ho solo il merito d’aver, ingegnerizzato, le circostanze che portano a fare scelte tanto particolari. “L’astinenza.” E’ la banale astinenza unita a una continua e martellante eccitazione fantastica e verbale, per la durata di qualche giorno, la base del metodo. Questo comportamento chiaramente, provoca una cascata ormonale faticosamente controllabile e genera nelle nostre menti una folle necessità di piacere immenso, estremo. Quasi una droga, una droga però sana e che non fa male a nessuno. Ogni qual volta mettavamo in pratica questo, “ Metodo“, eravamo sempre talmente esaltati, condizionati che non solo accettavamo ma addirittura andavamo alla ricerca di qualsiasi situazione, anche e soprattutto la più scioccante, la più rischiosa, la più immorale. Insomma il menù doveva essere ricco e vario. Secondo me è molto meglio astenersi, sacrificarsi anche per qualche giorno e poi godere in modo libero, sfrenato e toccare quindi l’apice del piacere, l’estasi. Trovo assolutamente solito, noioso, banale fare l’amore nel modo canonico, ragionieristico. Lei, lui, il letto e magari al sabato sera.Chiaramente il tutto non deve essere assolutamente estremizzato altrimenti potrebbe sconfinare nella patologia. In pratica l’astinenza non deve diventare indispensabile, pena, una probabile lunga e costosa terapia analitica. Per strada ripensavo con emozione a quello che successe al cinema quando, per mia fortuna, con la coda dell’occhio vidi due tipi che sospettai, “Giusti.” Pregustavo già speranzoso l’eventuale prosecuzione. Ci seguivano anche se da lontano e senza dirle nulla, la condussi davanti ad una vetrina di abiti femminili, illuminata a giorno. La vetrina naturalmente, non fu una scelta casuale. Ironicamente mi disse: “Mi vuoi comprare un vestito nuovo?” “Si; se il negozio fosse aperto; purtroppo per ora insieme possiamo soltanto scegliere il modello, mentre tu potresti tornare da sola ad acquistarlo… un domani” “ Si, guarda quello a destra indossato dalla morettona di plastica. Mi piace la provocante scollatura. Non ti sembra che mi starebbe d’incanto?” “Si… si, ma… secondo me ti farebbe risaltare la pancia, ti ingrasserebbe” Abbracciandomi teneramente:“Ho capito, ho capito, come per i sandali, ne farò a meno!!” La forte illuminazione metteva in risalto, in controluce, la leggerezza del suo vestito e quindi le conturbanti trasparenze. Fu per me automatico l’inizio di un nuovo ed intrigante progetto da realizzare. La serata con ogni probabilità poteva continuare, non doveva finire così presto!

Con la scusa del gran caldo e della morbosa voglia di vederla ancora più scollacciata e per giunta in una strada le chiesi di togliersi il copri spalle, tanto in questo momento, nessuno si sarebbe scandalizzato. “ Perché rovinare il tuo stupendo seno con quell’abito goffo esposto in vetrina, quando sei bellissima così come sei ora, con i capezzoli che spingono con prepotenza contro il vestito. Secondo me hanno una dannata voglia di guadagnare la libertà, di farsi accarezzare da sguardi indiscreti, di generare libidine.” Capì subito che stavo di nuovo volando alto con i sogni, i desideri e orgogliosa di esserne l‘ispiratrice mi baciò con immensa tenerezza sulle labbra. Le misi allora il braccio al collo e subito dopo, la mano quasi tremante, si perse nel seno. In quel momento non c’era in giro anima viva tranne quei due. Avvertivo anche se da lontano la loro presenza. La mia fervida immaginazione mi induceva, pur non guardandoli, a credere che stessero avvicinandosi. Cominciavo ad agitarmi, ad essere ansioso. Mia moglie si accorse e si stupì della mia anomala reazione emotiva provocata dal solito e ben conosciuto seno e mi chiese dunque spiegazioni. Con tatto le feci notare che due persone che forse erano con noi al cinema, con discrezione, ci stavano seguendo. Secondo me avrebbero ed io con loro, apprezzato la vista di un seno così bello e così insolentemente ostentato. Il primo istinto fu di coprirsi, ma dopo una garbata e dolce insistenza si tranquillizzò. Acconsentì non solo a mantenere almeno quella scollatura ma addirittura a sfoggiarlo in maniera smodata, sconcia, con impertinenza. Tutto questo a patto che il gioco finisse lì perché eravamo pur sempre all’angolo di una via potenzialmente di grande passaggio e non potevamo quindi esagerare. Naturalmente la assicurai che avrei rispettato rigorosamente gli accordi, ci mancherebbe altro! Ma si sa… l’uomo non è di legno! Continuai ad accarezzarle il seno ed i rigonfi capezzoli e constatando l’avvicinarsi dei due la pregai di mettere un piede sul gradino abbastanza alto della vetrina. Così facendo, guarda caso, lo spacco si aprì, facendo vedere tutta la coscia fatta risaltare meglio dai tacchi a spillo. Per la miseria! Il mio progetto ora si stava veramente realizzando e la mia eccitazione stava di nuovo raggiungendo il culmine. Non eravamo più “Protetti” dal buio di una sala cinematografica ma davanti ad una vetrina, dove la luce intensa, era addirittura complice. Trepidamente ma fingendo indifferenza, snodai con delicatezza una spallina. Inesorabilmente quel triangolino del vestito cadde e all’improvviso uscì, uscì un seno che io con grande rapidità e senso di responsabilità protessi celandolo con la mano. Che sfortuna! Proprio in quel momento, purtroppo, mi era sopraggiunto un gran prurito al naso e così di tanto in tanto dovevo togliere quella mano santa. Giravamo le schiene ai due che, forse grazie alle provocanti trasparenze del vestito, forse a causa nei nostri strani e indaffarati movimenti, sentirono la necessità di avvicinarsi fingendo interesse per la merce esposta in vetrina. Io bastardo come sempre avevo sempre quel gran prurito al naso così, dovevo per forza di cose, grattarlo. L’adrenalina saliva sempre di più. Gli “Amici”parlando tra di loro ma con la certezza di essere sentiti, fecero apprezzamenti audaci sui vestiti esposti ed ancora più spinti crudi e volutamente volgari sulle maliziose ed intriganti nudità dei manichini. Iniziarono poi a fissare con voluta e irriverente insistenza, mia moglie. Capendo che ero loro complice, si permisero pesanti complimenti quasi offensivi sulla sua avvenenza, “ Che figa! Che tette meravigliose, chissà come scopi bene, dai facci vedere, facci godere!” Forse volevano intimidirla, sottometterla, renderla succube, riducendola psicologicamente loro schiava. A questo punto pensai mi chiedesse addirittura di scappare. Li fissò in viso con durezza, rabbia, come se volesse aggredirli, graffiarli. Temendo brutte reazioni rimanemmo tutti in grande e spasmodica attesa fin tanto che, con mia grande sorpresa, all’improvviso, abbassò lo sguardo e timidamente obbedì. Si, obbedì.

Incerta e con fare impacciato pose la testa sul mio petto portò in avanti il bacino, si aprì tutto lo spacco con entrambe le mani e lo mantenne, ubbidientemente, aperto mostrando tutte le gambe e forse anche l’assenza di mutandine e dando quindi l’impressione di mettersi a loro disposizione. Rimasi sconcertato, non credevo di conoscerla così poco. Ebbi paura di quella insolita reazione. Pensando di doverla proteggere, ma non troppo s’intende, le chiusi lo spacco e mi misi alle sue spalle tra lei e i due per nasconderla, almeno in parte. In realtà la vetrina faceva fatalmente da specchio. Continuavo ad accarezzarle il seno e ogni tanto, una grattatina al naso. Ero in uno stato d’ansia pietoso; con il fil di voce rimastomi le dissi che se avesse voluto, avrebbe potuto girarsi un pochino in modo che potessero adocchiare ma solo di striscio. Entrambi fummo travolti da irrefrenabile libidine, forse per le arroganti volgarità ascoltate prima, forse per quello che in cuor nostro speravamo succedesse; ebbene, ruotò flessuosamente il corpo come solo una gran donna sa fare, mostrò ancora timidamente loro il seno e praticamente la ben scolpita rasatura della micetta. Guardò con interesse morboso i due che nel frattempo si stavano toccando con metodica insistenza, la patta. Lei accennò a toccarsi, si aprì le labbra per mostrarsi vergognosamente ancora di più, addirittura più dentro, dentro. Ora non più timida e impacciata si toccava platealmente, voleva mostrarsi in modo sconcio. Potevano ancora violentarla, abusarla con quegli sguardi assetati di sesso, come al cinema. Si sentì ancora una volta desiderata al centro delle loro attenzioni, la protagonista e l’ispiratrice di tutta quell’eccitazione. Potevano apprezzare le sue dolci forme e questa volta spudoratamente in piena luce in una via del centro. Si sciolse languidamente con fiducia, lasciò più che volentieri che, il destino si compisse, tanto che mise dolcemente la testa sulla mia spalla quasi a dire: ”Ora fai di me quello che vuoi.” E svenne, svenne un’altra volta.

Non ragionavamo più; completamente impazziti e drogati dall’eccitazione osservavamo i due giocare spudoratamente con le “Spade d’acciaio” sguainate. Si masturbavano con frenesia, anche se, la preoccupazione di essere visti, li obbligava ad un continuo controllo degli eventuali passanti. La crudità animalesca della situazione stava per scatenarle un altro orgasmo. Avevo il cuore in gola e il respiro affannoso, le snodai eccitatissimo anche l’altra spallina. Il vestito scivolò inevitabilmente ai suoi piedi lasciandola completamente e brutalmente nuda. Mi misi dietro, le avvolsi con le mie braccia, le sue, la immobilizzai con tenerezza e sbattei loro in faccia, un coraggioso primo piano del suo conturbante, voglioso corpo veramente tutto, tutto nudo e tutta, tutta porca e possibilmente anche di più. Tutto questo in un angolo di B. Aires! Probabilmente non più in grado di intendere né di volere, la masturbai lì, con collaudata violenza. Era talmente dilatata e ricettiva che avrei potuto penetrarla con chissà cosa. L’orgasmo la sconvolse ancora ma questa volta per strada, come una vera puttana, una troia! Eravamo schiavi sia dell’eccesiva esaltazione, che di quei due che, rossi in viso e imperterriti continuavano a masturbarsi ed ora abbozzavano anche palpeggiamenti. Fuori di senno osò persino toccare, toccare con gusto il sesso di uno e poi di entrambi, li stava masturbando, masturbando nuda davanti alla vetrina. Per nostra fortuna nel frattempo, senza che noi ci accorgessimo, ai due si aggiunsero altri tre. Fummo circondati.

Era veramente troppo, continuando così avremmo certamente rischiato una denuncia per atti osceni in luogo pubblico. Prima che la situazione trascendesse con educata ma grande determinazione tornammo a malincuore con i piedi per terra e raggiungemmo un vicino bar per poterci ricomporre anche e soprattutto con la mente. Con riservatezza, da lontano, ci seguirono perfino dentro il bar, sicuramente per carpire qualche altro momento eccitante. Non avevamo ancora smaltito la sbornia emozionale di poco prima e ci accorgemmo che non ci bastava, avremmo voluto strabiliarli ancora sino al loro sfinimento mentale, ma la situazione ora, era disperata. Troppi controlli non potevamo muoverci liberamente, troppo rischio. Eravamo pur sempre in un bar in presenza di altri avventori. Il rischio però ci istigò e mia moglie decise di girarsi verso di loro, di mettersi nel centro del gruppetto, in modo che solo noi potessimo vedere. Si aprì completamente il vestito scoprendo di nuovo quel meraviglioso corpo reso ancora più desideroso e desiderato dal rischio che tutti insieme stavamo correndo. Non ancora sazi con estrema discrezione, abbozzarono altri palpeggiamenti. Purtroppo dovetti bloccarli subito, pena, una eventuale denuncia. Pure lei però non era sazia e dovendo recarsi in bagno per rimettersi in ordine, istigò alcuni di loro a seguirla ancheggiando come una civetta e facendo in modo che lo spacco con la camminata volutamente erotizzante si spalancasse sino all’inguine. Immancabilmente in due la seguirono. Il corpo nudo di mia moglie mentre si rassettava, si rinfrescava, con un fazzolettino di carta profumata, il morbido seno, il capezzolo, l’inguine, le ascelle, come se fosse sotto la doccia, si perfezionava il trucco, la porta semi aperta che permetteva loro di vedere ancora tutto sperando in chissà che, fecero da gran finale. Non potevano nemmeno in sogno sperare tanto. Al ritorno mi raccontò quel che io non vidi, nel bagno del bar. Mi esaltai ancora al pensiero di ciò che era accaduto e che ancora poteva accadere. Con gran fretta sostammo in un luogo appartato, dove ci sfogammo veramente in modo animalesco, selvaggio. “Sei sempre il solito… Sono tre mattine che devo cambiare le lenzuola! Quando la smetti di mangiare cibi pesanti alla sera? Ti sei agitato tutta la notte. Non era meglio se mi portavi al cinema? Sono stufa! O cambi o la prossima volta le lenzuola te le lavi tu. Hai capito? deficiente!” Ma allora…. Allora… Rimasi, rimasi, basito.