Neve bollente (5)

Leggi in in 8 min.
gio 21 novembre 2019
Inviato da: Lord Cuk

Neve bollente 1 --- Neve bollente 2

Neve bollente 3 --- Neve bollente 4

Nick si svegliò solo felicemente spossato, la camera era invasa dall’odore di cucina. Dopo aver indossato camicia e pantaloni scese da basso, a metà scala si fermò osservando la scena. Iris apparecchiava la tavola con tovagliette piatti e stoviglie mentre Annette ai fornelli terminava di cucinare. Entrambe notandolo lo salutarono con un sorriso radioso. La luce forte e calda del mezzogiorno entrava dalle finestre, l’ambiente era calmo e confortevole e lui impresse quella scena dentro di sé. Era affamato come un lupo e vedere le due donne all’opera lo rendevano felicemente compiaciuto.

Si fermò ancora un istante ad ammirare i loro giovani corpi, erano due magnifiche donne ed un pensiero cominciò ad oscurargli la gioia; quando sarebbero ripartite? Scacciò la triste questione deciso a risolverla dopo pranzo. Prima però decise che si sarebbe fatto una rapida doccia e attraversando la sala da pranzo comunicò a entrambe la scelta. Entrò nel piccolo bagno accostando la porta, il pavimento in lastre di pietra grigia ben staccava dal mobile bagno, intagliato di castagno. Sopra il lavabo in pietra levigata uno specchio incorniciato da tavole ricurve in legno antiche rifletteva la sua immagine mentre si toglieva rapido i vestiti. Aprì l’acqua che in pochi istante prese temperatura ed entrò. Nuvole di vapore saturarono presto il piccolo locale, Nick aveva appena finito di insaponarsi il petto villoso. Vide entrare Iris e non resistì alla tentazione. La vide specchiarsi nello specchio intenta a truccarsi, uscì dalla doccia e la cinse alla vita. Si guardavano entrambi nello specchio, Iris aveva la mano ferma a mezz’aria tenendo tra le dita l’arriccia ciglia. Iris si accorse dell’erezione che le premeva sulle natiche. Sorrise allo specchio guardando lo sguardo voglioso di Nick. Vide le mani bagnate di lui sbottonarle i jeans, e alzarle lentamente l’attillato pullover. Lei lo lasciò fare, aiutandolo a sfilarle i vestiti. Il vapore ormai aveva coperto lo specchio di condensa ma i due avevano smesso di specchiarsi, ora erano uno di fronte all’altro. Rimasta nuda ora i suoi seni erano a contatto con la schiuma sul petto di Nick, i loro volti abbandonati a baci voluttuosi. Nick la toccò tra le gambe ritrovando tra le dita il gel condensato d’umori. Entrarono nella doccia e a turno passarono sotto lo scroscio caldo del diffusore senza togliersi le labbra di dosso. Sollevò la coscia di Iris e avvicinò il bacino, l’eccitazione di entrambi favorì la penetrazione. Iris sentiva il pene bollente di Nick farsi strada dentro di lei, la sua vagina sbocciò come un candido fiore. I movimenti dei loro bacini erano lenti e carichi di sensazioni. L’acqua calda sulla loro pelle era un massaggio lussurioso e il calore dilatava ancor di più i loro sensi. Si toccavano ad occhi chiusi, facevano scorrere le loro dita sul corpo sentendo muscoli e tendini tesi. Nick aveva bisogno di sentire il suo glande muoversi di più, fece appoggiare Iris alla parete. Iniziò ad accellerare l’andamento, lei si morse il labbro inferiore segno che gradiva. L’acqua ora scorreva sulla schiena di Nick arrossandola e rendendola ancora più sensibile. Sentì scorrere le dita di lei sulla schiena bagnata facendo dei “grattini” con le unghie, questo lo eccitò tantissimo. Uscì da lei il tempo necessario per farle posare la gamba sollevata da un pezzo e farla ruotare. Iris ora aveva entrambe le mani appoggiate alla parete, inarcò la schiena pronunciando il suo bel fondo schiena. Nick le fu di nuovo dentro e ora la sensazione era più forte di prima. L’acqua scrosciava sul sedere di Iris creando rivoli caldi che le scorrevano nel solco delle natiche separandosi poi ai lati del pene di Nick. I testicoli sbattevano sulla vulva grondante acqua oscillando avanti e indietro. Iris iniziò a gemere e Nick ne fu molto felice. La vide mentre con le dita saggiava le sporgenze delle piastrelle in lastre sottile di pietra cercando un appiglio. Lui la afferrò ai fianchi stringendola con forza. Iris sentì le spinte farsi irregolari e urlò di piacere sentendo i violenti schizzi che Nick le riversava nell’utero, venendo poco dopo anche lei.

A tavola dopo aver preso posto, gli riempirono il piatto con una zuppa a base di patate, cipolle ed aglio accompagnate da fette di pane raffermo. Aspettò che si servissero anche le due ragazze, portò il cucchiaio alla bocca e come prima cosa notò che era decisamente salata e intensa. Annette doveva aver dato fondo alla scorta di cipolle che a Nick sarebbero durate fino alla primavera, il sapore d’aglio si impadronì del suo palato. Vedendole mangiare con gusto Nick si abbandonò ripensando al racconto che gli fece suo nonno. Aveva appena compiuto vent’anni e nonno Italo, che era vedovo da alcuni anni gli confidò un episodio della guerra. Ai tempi aveva anch’egli vent’anni, e non conosceva ancora la nonna. Era un giovane alpino che a seguito del fallimento dell’invasione della Russia durante la seconda guerra mondiale marciava in ritirata con migliaia di altri soldati italiani e tedeschi nel tentativo di salvarsi. Durante una tormenta di neve, sfinito, perse i suoi compagni di sventura. Trovò riparo in un “isba”, piccola abitazione rurale, e venne accolto da una giovane ragazza poco più grande di lui. Si chiamava Inès , era bionda seni prosperosi, formosa con le gote rosse e le mani forti. Si comprendevano a gesti ma Italo comprese che se era stato accolto era dovuto al solo fatto che era così giovane e soprattutto italiano. Dopo settimane era il primo bagno tiepido che faceva, riprese le forze con la medesima zuppa di patate e cipolle. Rimase in quell’”isba” due giorni, conobbe il corpo e l’amore che una donna sapeva donare e lui sfogò disperato l’ardore di quella giovinezza che la guerra gli aveva sottratto. Il desiderio di tornare in patria si affievolì a tal punto che se non fosse stato per altri sbandati, che sopraggiunsero dopo due giorni portandoselo appresso, sarebbe rimasto con quella donna. Italo non disse mai niente a nessuno fino a quel giorno in cui si confidò con suo nipote. Nick si sorprese che a distanza di decadi suo nonno ricordasse quella donna con amore. Assorto in quei pensieri Nick si stava per commuovere quando lo sguardo indagatorio di Iris lo fece tornare lucido. Prendendo la palla al balzo domandò alla rossa quando sarebbero ripartite senza pensare alla delusione che tra pochi istanti avrebbe ricevuto. La partenza era fissata per le 17 dello stesso giorno. Nick si sentì spento e depresso, posando il cucchiaio. Iris posò allora la sua calda e leggera mano sulla sua, tra loro si era instaurato un legame, anche se a parole nessuno sapeva niente dell’altro i loro sentimenti ed il loro istinto collidevano. Alla delusione seguì presto un moto di agitazione al pensiero che alla sua partenza sarebbe rimasto solo.

Scacciò quel triste pensiero deciso a sorridere e a passare quelle ultime ore con Iris.

Annette che fino a quel momento era rimasta in silenzio ricordò alla sua amica che non avevano ancora preso i souvenir.

Dopo aver sparecchiato si prepararono a tornare in paese. Le piste erano molto affollate e visto l’orario l’uso della motoslitta era vietato. Dopo pochi istanti nel piccolo scantinato Nick portò alle due ragazze un paio di racchette da neve. Era uno spettacolo vederle scendere in paese in quel modo, Annette davanti, Nick e Iris dietro sotto braccio, attiravano molto l’attenzione. Le due donne erano vestite come la sera prima ed erano molto affascinanti. Gli sciatori rallentavano pur di osservarle per un istante, fischi d’approvazione echeggiavano per un lungo tratto. Lungo il tragitto Nick fece molte domande ad Iris.

La giornata era calda e soleggiata, a metà percorso si fermarono giocando con la neve e scattandosi foto con il cellulare di Nick e Annette. In paese Nick le accompagnò per negozi rimanendo con loro fino all’agognata partenza. In disparte dal gruppo mentre i due conducenti ultimavano di caricare sci e bagagli sul grande autobus, Iris e Nick abbracciati si salutavano come due innamorati.

Passarono alcuni giorni, Nick attendeva la sera per chattare in internet con Iris.

Le sue giornate erano estenuanti, non sciava più, rimaneva per ore su internet riempiendo i fogli di un piccolo quablock. Sfogava ripetutamente la sua irrequietezza masturbandosi con foga febbrile. Sperava in tal modo di svuotarsi dall’incantesimo che Iris gli aveva fatto, ma prosciugò invano i suoi testicoli. In alcuni momenti Nick sembrava riprendere un certo contegno, ma quando il pensiero tornava ad Iris non poteva sottrarsi. Perse presto l’appetito e dormì sempre meno.

Pensare a lei tra le braccia di un altro procurava in lui violenti spasmi ai testicoli e una rabbia che solo uno sforzo fisico intenso sapeva calmare. In questo modo finì per spaccare ad ascia una gran quantità di legna, tanta, che gli sarebbe bastata per due inverni. Dopo qualche settimana le chat con Iris erano diventate per entrambi molto più significative.

Cominciarono a comunicare con qualche timida parola in italiano ed in cecoslovacco e soprattutto a masturbarsi online grazie alla webcam. Qualcosa cambiò nel modo in cui chattavano, erano sempre più eccitati. Nick di volta in volta scriveva sul piccolo quablock finendo con il terminarne le pagine. Diego suo amico gli aveva fatto visita di tanto in tanto terminato il lavoro sugli impianti. Ma questa sera non ha bussato alla porta per il thè, è di fuori, fermo, in sella alla rombante motoslitta. Nick gli fa un cenno con la testa, accosta la porta, un fiocco di neve gli si posa sulla spalla.

Dopo un rapido sguardo ed aver spento la luce, si china afferrando l’impugnatura del piccolo trolley nero.