Neve bollente (2)

Leggi in in 9 min.
gio 21 novembre 2019
Inviato da: Lord Cuk

Neve bollente 1

Nick sentiva i suoi testicoli ricaricarsi, mentre da dietro osservava la figura di Iris salire lungo la scaletta in legno che portava al salottino e alla camera da letto. L’eccitazione che provava le aveva quasi fatto dimenticare il dolore al ginocchio, ma il desiderio in quel momento le annebbiava la mente. Il sapore del seme di lui era ancora presente sul suo palato e si sentiva crogiolare nell’attesa. Pensava a quel cazzo che aveva sentito ingrossarsi nella sua bocca e ora desiderava sentirlo muoversi nella sua figa.

Saliti i gradini scricchiolanti sotto i loro piedi entrarono nel salottino, era piccolo ma molto accogliente, il tetto in legno con travature in tronchi scortecciati era alto a sufficienza da permettere in futuro la realizzazione di un piccolo soppalco, le pareti rivestite con assi di legno invecchiate e un pavimento anch’esso in legno era in parte coperto da un tappetto di pelle bovina rossa a chiazze bianche. C’era un divano letto a 3 posti recuperato chissà dove e un altro divanetto con la struttura in legno chiaro, su un tavolino in ferro battuto trovava posto un bel televisore moderno. Iris capì che quella baita era stata arredata con cura e che da rustico, era stato adibito a vera e propria abitazione. Nick era rimasto piacevolmente colpito dalla curiosità della ragazza, trovava gentile l’interesse che dimostrava nel gusto con cui anni prima si era impegnato a restaurare quel posto.

Iris era intenta ad osservare un dipinto a tempera realizzato su una lastra di pietra liscia raffigurante la baita, quando sentì da dietro Nick. Era quasi a contatto con il suo corpo, con le mani le cinse i fianchi e avvicinò il naso alla coda inebriandosi del profumo che emanavano i suoi capelli umidi. Con un movimento del suo viso li scostò e cominciò a baciare quel lungo ed esile collo scendendo lentamente verso la spalla, alternando ai baci dei piccoli e teneri morsi con i denti, facendole emettere dei gridolini di piacere. Spostò una mano dal fianco e gliela posò sul ventre al di sopra dell’accappatoio, percependo dei fremiti scaturire da quel contatto fece scendere l’altra mano lentamente, e si infiltrò nell’apertura dell’accappatoio verso l’intimità della ragazza. Incontrò il ciuffetto di peli rossi e li stuzzicò brevemente tirandoli con le dita, poi li abbandonò scendendo sulla pelle liscia e ricurva verso l’interno. Si sentì avvolgere la mano da un calore forte e in quel istante si immaginò dentro di lei. Le sue dita cominciarono a inumidirsi, Iris era letteralmente bagnata e i suoi umori caldi si condensavano in un gel trasparente che lubrificò le dita di Nick. Cominciò allora a far scorrere sempre di più le dita strusciando in tutta la lunghezza la passerina di lei, il clitoride come un bottoncino era eretto e ricettivo e Nick non dimenticò di stimolarlo con piccole rotazioni che alternava alle carezze. Essa mostrava di gradire e reclinò la testa all’indietro appoggiandosi sulla spalla di Nick. Ecco che un dito, cessate d’ improvviso le carezze, si avvicinò al pertugio della vagina e senza incontrare resistenza si fece largo dentro di lei, il varco si restrinse al suo passaggio e lo seguirono anche le pareti elastiche e carnose della sua figa simulando la calzata di un guanto. Iris sentiva scuotersi dentro di lei un turbine di eccitazione, i reni le fremevano, cominciarono a tremarle le gambe e nel coinvolgimento cominciò a mordersi il labbro. Sentendola fremere Nick interruppe e si staccò da lei, la fece voltare e le sfilò dalle spalle l’accappatoio che scivolò a terra. Con un cenno della testa le indicò l’altra stanzetta, si incamminò e lui la osservò muoversi sinuosa, un culetto a mandolino stupendo sembrava incitarlo a seguirlo e in quell’istante Nick si immaginò di possederla anche lì. Iris questa volta non guardò niente e trovato il letto si distese sul fianco con le movenze di una gatta.

Il letto lo trovò sfatto con le lenzuola stropicciate e il piumone rovesciato sul pavimento, il suo olfatto sentì che erano intrise di sudore e sperma, e si immaginò quel bel ragazzo, fermo sulla porta che la osservava, che sudato sfogava la sua esuberanza in possenti schizzi che andavano ad imperlare qua e là le coperte. Nick si stava godendo lo spettacolo,una stupenda ragazza eccitata che lo stava aspettando desiderosa. Si mosse allora verso i piedi del letto, si sfilò l’accappatoio e chinatosi, aprì le gambe di Iris e infilò la testa tra le sue cosce. Venne investito dal profumo intenso di donna e questo lo inebriò, prese a leccare quella passera cercando di contenere la sua foga. Leccò le piccole labbra, tormentando con la lingua e le sue labbra il clitoride, succhiava e assaporava il nettare che Iris nell’estasi produceva in gran quantità. Nick sentiva il contorno della bocca e il suo mento bagnati degli umori di lei. Continuando a leccarla prese a penetrarla con il dito medio, lo inarcava verso l’alto e lo muoveva in sintonia con la lingua. Iris era completamente abbandonata all’estasi e per incitarlo a non smettere aveva preso la sua testa con le mani. Nick sentiva la ragazza gemere e incitarlo e capì che era vicina all’orgasmo e lui da bravo non perse il ritmo. A un tratto sentì urlare di godimento Iris, che colta da un orgasmo liberatorio, muoveva su e giù il bacino , poi mollò la presa dai capelli scuri di lui e lasciò cadere le mani sulle lenzuola. Nick allora si distese di fianco a lei che ansimava imperlata di sudore, la temperatura dell’ambiente era molto calda, il calore che al piano terra era gradevole, salendo lungo l’apertura della scala, riscaldava di molto le due stanzette soprastanti.

Il respiro di Iris stava ritornando regolare, Nick osservava i seni muoversi su e giù, si mosse ad accarezzarglieli. Erano setosi e abbondanti, non credeva ai suoi occhi, pensava “possibile che stia capitando proprio a me?” Non aveva mai visto un seno così perfetto, turgido e pallido quasi bianco con una aureola di un rosa tenue. La neve al di fuori scendeva copiosa , nel buio ricopriva ogni cosa sotto il suo candido manto, questo aumentava il loro senso di abbandono e isolamento, erano fuori dal mondo, in un universo di stimoli e piaceri. Iris era felice e pensava a quell'uomo accanto a sé e per un attimo fantasticò ad una vita con lui in quel mondo bucolico. Pensò alla primavera e ai fiori nei prati rigogliosi e verdeggianti , di stendersi li in mezzo a prendere il sole, fare lunghe passeggiate nei boschi in sua compagnia e di passare notti intere di sesso intenso e coinvolgente. I pensieri di Nick erano leggermente diversi, pensava infatti che era venuto il momento di farla sua, di possederla più e più volte, sapeva che non sarebbe rimasta lì per sempre e non voleva perderla.

Questi pensieri erano stati sufficienti a far rialzare con lievi scatti il suo cazzo, Iris lo afferrò leggermente con le dita, fu’allora che Nick si accorse che le belle mani affusolate di lei avevano delle unghie curate e coperte con un velo di smalto rosso. Era bello sentire il suo cazzo gonfiarsi, farsi più rigido e contrastare la lieve stretta delle dita di lei che lentamente avevano preso a scorrere sull’asta e a roteare all’altezza del glande ingrossato. Con l’altra mano aveva iniziato a accarezzare i suoi testicoli ben formati e soppesandoli un po’ li sentiva pesanti e nuovamente pieni di linfa vitale. Trovando il cazzo abbastanza rigido, senza mollarlo dalla sua stretta, Iris si spostò e si mosse sopra il corpo disteso di Nick, lo cavalcò e con la mano fece strusciare alcune volte la punta del pisello sulla sua passera, lubrificandolo con i suoi umori. Lo indirizzò sul punto esatto e dopo una breve resistenza il glande cominciò a farsi strada dentro il suo ventre, fu così circondato e avvolto da un piacevole calore che fece aumentare le spinte d’eccitazione, gonfiandolo e irrigidendolo di più. Iniziò un lento su e giù da parte di Iris, voleva sondare fin dove poteva spingersi quel magnifico cazzo. Nick dal canto suo voleva entrarle dentro il più possibile, e per colmare la mancanza di misure invidiabili, cominciò a far affluire sempre più sangue nel suo cazzo, sentiva girargli leggermente la testa mentre il suo pene si apriva come un ombrello dentro la cavità accogliente di lei. Iris aveva percepito i cambiamenti nelle misure di lui, si sentì riempire come mai prima d’ora, i suoi umori cominciarono a scendere lungo le pareti del cazzo di Nick e a fuoriuscire colandogli sopra i coglioni. Cominciò presto anche lui ad ondeggiare il bacino creando in contrasto con Iris, piccoli affondi che lei sembrava gradire poco perché era lei a stare sopra. Voleva essere lei a dettare il ritmo, lui doveva sottostare ed appagarla, avrebbe avuto modo di possederla in altre posizioni. Iris si lasciò andare alle sensazioni che pian piano sentiva montare dentro di lei e dopo una bella cavalcata inarcò la schiena e sussultando raggiunse il suo orgasmo vaginale, più profondo e lento di quello clitorideo ma immensamente appagante anch’esso. Nick sentiva che ora era giunto il suo turno e sfilandosi da sotto, la fece mettere a pecorina. Lui da dietro ammirò quel culo fantastico davanti a sé, lo baciò e mordicchiò. Prendendo posizione penetrò nuovamente quella figa stupenda, la sua erezione era intensa e sentì che avrebbe resistito a sufficienza. Iris inarcava la schiena come una gatta facendo ondeggiare quella bella coda che Nick afferrò come fossero le redini di una puledra. I movimenti del suo bacino erano lenti e seguenti, mentre la stantuffava osservava scomparire il suo cazzo dentro di lei, guardava le sue natiche aperte e le fossette simmetriche al di sopra di esse. La schiena sinuosa rispondeva alle spinte del bacino di Nick, i seni si muovevano sbattendo avanti e indietro, sentiva però il bisogno di cambiare sensazioni e cosi sfilatosi dalla figa inumidì la punta del suo cazzo con un po’ di saliva e cominciò ad aumentare la pressione cercando di entrare nel culo di Iris. Lei lo aiutò cercando di rilassare il più possibile lo sfintere, permettendo così l’ingresso del suo grosso membro. Entrò molto piano e rimase fermo qualche istante lasciando alla ragazza il tempo di abituarsi alla sua presenza, non appena la sentì rilassarsi cominciò a muoverlo piano avanti e indietro. L’attrito provocato dallo scorrere del glande nell’intestino stretto di Iris stava eccitando di molto Nick che non era più in grado di resistere. Sentiva infatti montargli la sborra e le palle contrarsi. Dopo pochi movimenti sentì che era alla fine ed afferrando da sotto le mammelle della donna le riversò dentro i suoi getti di seme caldo. Iris si sentì riempire da un calore piacevole e percepì le pulsazioni del cazzo che, finito di eruttarle dentro gli ultimi schizzi, si sgonfiava uscendo poco dopo da lei. Nick esausto ed appagato le si sdraiò accanto abbracciandola ed entrambi dopo essersi coperti con le sole lenzuola si abbandonarono a un piacevole sonno ristoratore.

Neve bollente 3