Balla ancora

Leggi in in 7 min.
ven 22 novembre 2019
Inviato da: Seta nera

Prima era solo una battuta, uno scherzo che buttavamo lì forse per vedere come l'altro reagiva, poi le battute cominciarono a essere tante e i sorrisini si moltiplicavano. Finché ebbi il coraggio di chiederle "e se in un club privé ci andassimo davvero? Anche solo per vedere che ambiente c'è, non per forza per lasciarci andare".

Rispose con una battuta, per non far capire che l'idea la stuzzicava.

Lei era così, un suo sorriso valeva più di mille parole, ormai la capivo e lei sapeva comunicare con pochi sguardi.

Ne avevamo parlato, sempre in tono scherzoso, su come si sarebbe vestita, col suo stile, con la sua seta nera come simbolo di sensualità ed eleganza. Mi chiedeva ridendo "e poi come prosegue la serata?".

Cercai segretamente informazioni, non volevo posti squallidi, ambienti infimi e sporchi, non volevo carne da macello, in gioco non c'era solo una serata trasgressiva, ma anche il rapporto con lei. L'idea di pericolo, mi eccitava, non solo l'idea di vederla in quell'ambiente, ma anche l'idea irrazionale che qualcuno potesse portarmela via. Era un pensiero strano che si affacciava ogni tanto, non era solo voglia di una serata diversa.

Ci facemmo mille raccomandazioni, lei scelse con cura il suo abbigliamento, non voleva apparire volgare, voleva essere guardata e ammirata, ma con stile. E io volevo che tutti la guardassero, che avessero mille pensieri su di lei, ma rimanesse sempre al mio fianco.

"Vedrai, è un bel ambiente, si cena, si fa conoscenza e poi dopo una certa ora si sta tutti in intimo e si fa quel che vuole", dissi io, che mi ero informato sul posto.

"E quando pensavi di dirmelo che sarei rimasta in intimo?", disse lei, in tono abbastanza serio.

Da quella frase si capiva che non sarebbe andata oltre, ma a me bastava anche solo vederla, guardare le sue reazioni a eventuali dialoghi o proposte. Non sapevo come sarebbe andata a finire quella serata.

Scelse un abito nero, attillato, con un completo intimo in pizzo, reggiseno semitrasparente e autoreggenti nere.

Nel locale l'ambiente era come speravamo: elegante, con le luci che creavano un'atmosfera trasgressiva ma non volgare, niente di pacchiano, anche le persone erano intonate col resto, chi più chi meno, ma né il modo di vestirsi né gli atteggiamenti sembravano fuori luogo.

Le avevo ripetuto più volte "Qui NO significa NO, quindi rilassati".

Parlammo con una coppia, più esperta di noi, ci chiese se era la prima volta, ci spiegarono molte cose e ci dissero se dopo cena volevamo stare con loro per rompere il ghiaccio in una Jacuzzi. Ci diedero anche il loro numero di telefono.

Sembrava che lei, la mia donna, avesse fatto finta di non sentire e quando le chiesi cosa pensava della proposta, fu vaga, mi disse che poteva essere una buona idea ma capivo che non era entusiasta.

Però era sempre più a suo agio, e quando due single si avvicinarono e ci chiesero se lei voleva fare sesso con loro, lei sorrise, mi guardò in modo malizioso e rispose "no, grazie".

Paradossalmente era più simile a un sì quel 'no, grazie', dell'altro "potrebbe essere una buona idea", per la proposta della coppia.

Fui spiazzato, fu il primo momento in cui mi resi conto che forse lei poteva lasciarsi andare, però l'idea che potesse stare con due uomini assieme mi torturava: mi eccitava, ma la rifiutavo con forza.

E fui spiazzato da come, dopo cena, si tolse il bel vestito e rimase in intimo, come se non vedesse l'ora.

-"Non sono preparata per vederti con un'altra donna", mi disse, spiegandomi la sua reazione alla proposta della coppia.

-"E dei due ragazzi che pensi?"

Sorrise, non rispose e mi disse che voleva ballare.

Ballammo assieme, ci baciavamo, sorridevamo, ma non avevamo il coraggio di parlare. Io pensavo alle sue reazioni e ai pensieri che in quel momento non aveva il coraggio di dirmi. E pensavo sempre a quella strana e furiosa sensazione di vederla con altri uomini, ma avere paura di perderla.

Avevo voglia di dirle di tornare in hotel, ma ora era lei che si sentiva a suo agio e non osavo chiederle niente.

Andai a sedermi, non avevo più tanta voglia di ballare, volevo pensare, volevo guardare e volevo guardarla.

E volevo vedere come si sarebbe comportata lei.

-"Io rimango un po' a ballare, ti spiace?", disse lei, sempre più sorridente.

Ormai avevo capito che piega avrebbe preso la serata e se all'inizio era quello che volevo, ora avevo mille dubbi, che diventarono milioni quando la vidi ballare con un altro.

Sempre più a suo agio in intimo, ballava e sorrideva, si divertiva, vidi che lui le disse qualcosa e lei rise di gusto. Poi continuarono per un po', ci fu qualche contatto, vedevo che lui ogni tanto le cingeva i fianchi e lei si lasciava sfiorare.

Volevo andare da lei e portarla via, dirle che non volevo più stare in quel posto, dirle che era tutta mia e che avevo sbagliato a pensare certe cose, poi da lontano incrociai il suo sguardo.

La vidi che si avvicinava a me, mi diede un bacio, si accomodò sopra di me.

-"Cosa ti diceva quel tipo?".

-"Mi vergogno, non te lo dico", cominciai a protestare ma mi interruppe subito.

-"Mi ha chiesto se volevo fare sesso con lui e la domanda mi ha fatto venire brividi dietro la schiena".

-"E tu lo vuoi?".

-"Solo se tu sei d'accordo".

-"Se tu vuoi, io sono d'accordo", dissi io, sperando in fondo che mi dicesse di no.

-"Sì, allora lo voglio!".

Lo disse sicura, senza esitazione: voleva fare sesso con un altro, davanti a me, in una serata trasgressiva che io per primo avevo voluto e da cui volevo scappare.

Però anch'io lo volevo, mi distruggeva di passione l'idea e il fatto che la rifiutassi aumentava paradossalmente il desiderio.

-"Ok, andiamo in una stanza", dissi io.

Il tragitto fu breve, ma durò un'eternità. Eravamo in tre, per la prima volta nella nostra vita.

Trovammo la stanza, fu lui a prendere l'iniziativa e mi disse "aspetta fuori ,non entrare subito".

Non capivo, la mia razionalità ormai era scappata, quando entrai nella stanza il cuore mi batteva fortissimo: paura ed eccitazione.

Lei era nuda, sdraiata di fianco sul letto, lui era dietro di lei, che le cingeva i fianchi, col suo pene che era appoggiato sul sedere di lei. Le sue mutandine e il suo reggiseno erano buttati nel letto.

Era rossa in viso, sembrava molto rilassata e a suo agio dopo qualche istante si precipitò da me e mi disse " se tu vuoi possiamo andare via".

Era quasi una richiesta di scuse.

La osservai e non provava imbarazzo a mostrarsi nuda

-"Ti ha spogliata lui?"

-"Sì...... e prima di sfilare le mutandine le ha scostato leggermente accarezzandomi la fica. E poi mi ha chiesto di prendere in bocca il suo cazzo".

-"E lo hai fatto?".

-"Sì, non ho resistito".

-"Torna da lui, voglio vederti scopare".

Ormai ero eccitatissimo e le dissi di tornare da lui, volevo guardarla.

Lei era una sorpresa continua, anche nella vita. Era dolce, tranquilla, sempre posata, ma a letto era una leonessa. Amavo farle superare i limiti, piano piano, senza forzature. Si vergognava a volte di pensare o provare cose che invece erano del tutto naturali.

E mi sorprese anche quella volta, perché quando tornò nel letto con lui, la prima cosa che fece fu succhiargli avidamente il cazzo.

Rimasi nudo anch'io, ma non volevo masturbarmi, non volevo passare per il marito passivo che si eccita mentre si scopano sua moglie, per uno che non sa soddisfare il suo amore e cerca l'aiuto di altri.

La vidi salire su di lui, accomodarsi sul suo cazzo e farsi penetrare. La vidi muoversi con ritmo e ansimare dal piacere.

La vidi chiudere gli occhi e godersi la situazione.

Lui le prese le tette, cominciò a baciarle, lei in un sussulto di lucidità mi guardò e mi disse:

"Cosa provi a vedere la tua donna sbattuta da un altro? Non provi rabbia?".

Erano parole totalmente nuove per lei e che mai avrei immaginato di ascoltare, ma aveva ragione, avevo rabbia ed eccitazione. La vedevo bellissima mentre scopava con un altro, ma non potevo stare lì a guardare.

Mi alzai e mi unii a loro: fu la più bella sensazione della serata vedere lei con uno sguardo di felicità farmi cenno di avvicinarmi.

Cominciò a succhiarmi il cazzo, senza abbandonare la posizione sopra di lui. Fui io a prenderla quasi di peso, a girarla e a penetrarla.

La vedevo carica di passione, godeva di quel momento ma con lo sguardo cercava me ,fu fantastico capire che aspettava solo me e che le mie paure erano infondate. Non la avrei persa, anzi saremmo stati molto più forti.

La sentivo mia, la vedevo scatenata mentre la scopavo e mentre lei non rinunciava al cazzo dell'altro in bocca.

-"Non resisto più, amore".

-"Non resistere, lasciati andare, sei stupenda".

La sentii tremare dal piacere, la sentii venire, mi abbandonai anch'io, le venni dentro. Rimasi addosso a lei per un po', l'altro era già andato via, non sapevo neppure quando, lei bellissima, si godeva la sensazione di felicità, cercando le mie carezze.